Exclusive Content:

Teatro alla Scala LES TROYENS dall’8 al 30 aprile

 
 
Stagione d’Opera e Balletto 2013 ~ 2014
 
8, 12, 16, 22, 26, 30 aprile 2014
 
LES TROYENS
 
Grand-opéra in cinque atti
 
Libretto e musica di  HECTOR BERLIOZ
 
(Editore Alkor-Bärenreiter, Kassel.  
Rappresentante per l’Italia Casa Musicale Sonzogno di Piero Ostali, Milano)
 
 
Prima rappresentazione parziale: Parigi, Opéra, 4 novembre 1863
(solo seconda parte: terzo, quarto e quinto atto)
 
Prima rappresentazione completa:
Karlsruhe, 6 (La prise de Troie) e 7 (Les troyens à Carthage) dicembre 1890
 
Prima rappresentazione al Teatro alla Scala (e prima in Italia): 27 maggio 1960
 
 
 
Nuova produzione
 
In coproduzione con Royal Opera House, Covent Garden di Londra,
Wiener Staatsoper e San Francisco Opera
 
 
Direttore  ANTONIO PAPPANO
 
 
Regia DAVID MCVICAR
Collaboratore del regista LEAH HAUSMAN
Scene ES DEVLIN
Costumi MORITZ JUNGE
Luci WOLFGANG GÖBBEL
Coreografia LYNNE PAGE
 
Orchestra e Coro del Teatro alla Scala
Maestro del Coro BRUNO CASONI
Personaggi e interpreti principali
 
Cassandre ​Anna Caterina Antonacci
Didon ​Daniela Barcellona
Enée ​Gregory Kunde
Chorèbe ​Fabio Capitanucci
Panthée ​Alexandre Duhamel
Narbal ​Giacomo Prestia
Iopas ​Shalva Mukeria
Ascagne ​Paola Gardina
Anna ​Maria Radner
Hylas ​Paolo Fanale
Priam​Mario Luperi
Hécube​Elena Zilio
 
———————————————————————–
 
Date:
 
Martedì 8 aprile 2014 ore 17.30 ~ prima rappresentazione
Sabato 12 aprile 2014 ore 17.30 ~ turno A
Mercoledì 16 aprile 2014 ore 17.30 ~ turno E
Martedì 22 aprile 2014 ore 17.30 ~ turno D
Sabato 26 aprile 2014 ore 17.30 ~ turno B
Mercoledì 30 aprile 2014 ore 17.30 ~ turno C
 
Prezzi: da 210 a 13 euro
Infotel 02 72 00 37 44
 

 
Opera in breve
 
Nella postfazione ai suoi celebri Mémoi-
res, Berlioz ci introduce – con un’appa-
rente contraddizione – nel cuore della
sua ultima, grande opera. Les troyens, in-
fatti, vennero concepiti sotto il duplice se-
gno di Virgilio e di Shakespeare. Tratti
dall’Eneide, essi sono nondimeno “un
grand opéra traité dans le systhème
shakespearien”: non soltanto, quindi, un
richiamo alla tragicità di stampo classico
(su cui bisognerà ritornare), ma anche un
omaggio romantico al modello di Shake-
speare. Quest’ultimo fa chiaramente ca-
polino nel Duetto delle sentinelle del V
Atto, il cui carattere prosaico contrasta
con lo stile sublime che precede. Tale pa-
gina venne soppressa durante la prima
rappresentazione dei Troyens à Carthage
al Théâtre-Lyrique di Parigi (1863), sop-
pressione che fu così commentata da Ber-
lioz: “In Francia il mélange di tragico e
comico è considerato pericoloso, se non
insopportabile […]. D’altronde per la
maggioranza dei francesi Shakespeare è
come il sole per le talpe”. Un altro sotto-
testo shakespeariano evidente è nel bel-
lissimo Duetto d’amore che chiude il IV
Atto: “Par une telle nuit”… Così sussur-
rano Enea e Didone riecheggiando Lo-
renzo e Jessica nel Mercante di Venezia
(V, 1). Ma ciò che va anche messo in evi-
denza, nella postfazione citata, è il senso
di estraneità al proprio tempo che Ber-
lioz esprime attraverso Les troyens. Egli
si descrive come un sopravvissuto (“Ma
carrière est finie”) e spinge il disincanto
nei confronti del presente non solo dando
per scontato l’insuccesso del 1863, ma an-
che ironizzando sulla cospicua somma
che esso gli fruttò, grazie alla quale poté
abbandonare – almeno – l’attività di criti-
co musicale (“Après trente ans d’esclava-
ge, me voilà libre!”). Vale la pena, pen-
sando anche al contesto teatrale odierno,
riportare una frase della postfazione in
cui Berlioz se la prende con i tagli e gli
aggiustamenti di Léon Carvalho (il diret-
tore del Théâtre-Lyrique), ai cui occhi “la
mise en scène di un’opera non è fatta per
la musica, è la musica che è fatta per la
mise en scène”.

Dunque l’unica rappresentazione dei
Troyens cui Berlioz poté assistere fu quel-
la del 1863, che inscenò solo la seconda
parte dell’opera (Atti III-V, col titolo Les
troyens à Carthage). Nella forma originale
e completa, Les troyens vennero rappre-
sentati in due serate (La prise de Troie: 6
dicembre; Les troyens à Carthage: 7 di-
cembre 1890) a Karlsruhe, più di vent’an-
ni dopo la morte del compositore. Questo
carattere inattuale e per molti versi po-
stumo non va però inteso – idealistica-
mente – come se Les troyens non avesse-
ro rapporti con il contesto culturale del
loro tempo. Tutt’altro. Il “ritorno al tragi-
co” è tipico, a Parigi, degli anni Quaranta-
Cinquanta ed è inscindibile dall’arte della
più grande attrice di quel tempo: Rachel
(Élisabeth Rachel Félix). Non a caso, nel
gennaio 1856 Berlioz scrisse alla princi-
pessa Carolyne Sayn-Wittgenstein che
avrebbe voluto farsi leggere da Made-
moiselle Rachel il V Atto dell’opera (quello col Monologo di Didone) e le sce-
ne di Cassandra negli Atti I e II: “Il y a là
[nella recitazione di Rachel] des accents
qu’il faut trouver, des silences à determi-
ner, des inflexions à saisir”. Berlioz non
compose il ruolo di Cassandra pensando
a una cantante particolare, ma sognando
una versione operistica dell’attrice Ra-
chel; colei che poté avvicinarsi di più a
questa figura fu probabilmente il mezzo-
soprano Pauline Viardot, per la quale
Berlioz mise a punto nel 1859 una nuova
versione dell’Orphée di Gluck che ebbe
molto successo. Il 26 agosto 1859 egli
scrisse alla sorella Adèle: “Madame Viar-
dot, ou je me trompe fort, serait une Cas-
sandre admirable”. Rachel e Pauline
Viardot, nonostante la morte prematura
della prima e la longevità della seconda,
erano perfettamente coetanee, essendo
nate entrambe – come Baudelaire – nel
1821.

Il richiamo alla classicità del romantico
Berlioz porta anche con sé un atteggia-
mento formalistico e retrospettivo (tipico
di ogni stile tardo) che non aiutò l’opera
ad affermarsi in epoca wagneriana. In
un’altra importante lettera alla Sayn-
Wittgenstein dell’agosto 1856, Berlioz
scrive che per lui ciò che conta è “trovare
la forma musicale, la forma senza la quale
la musica non esiste o diventa la schiava
umiliata della parola. Questo è il crimine
di Wagner”. In questa chiave vanno letti i
grandi ensembles presenti nell’opera, co-
me il monumentale Ottetto et double
Chœur dell’Atto I. Berlioz non sente il
bisogno di abolire o dissimulare l’impian-
to a pezzi chiusi presente nell’opera. Ciò
detto, nulla risulta più moderno di questo
neoformalismo retrospettivo. Nella Pre-
ghiera del coro femminile che apre il II
tableau dell’Atto II, Berlioz utilizza una
scala di si (modo ipofrigio) trasposta sul
sol che nel rapporto sol-re bemolle (quin-
ta diminuita) esprime “quelque chose de
curieux”: così scrive il compositore alla
Sayn-Wittgenstein, aggiungendo di capta-
re in quelle invocazioni un’eco delle fœ-
minae ululantes di Virgilio. Ma tutta l’or-
chestrazione messa in scena da Berlioz è
modernissima: basti pensare agli effetti
stereofonici di spazializzazione sonora
(Finale dell’Atto I) o a quelli timbrici as-
sociati spesso a momenti puramente pan-
tomimici, come l’indimenticabile clarinet-
to di Andromaca o i corni con sordina
dell’Ombra di Ettore. C’è qualcosa di
strutturalmente sinestesico e plurisenso-
riale, di visionario, nella drammaturgia
sonora di Berlioz. Riferendosi all’incanta-
to Settimino del IV Atto, il compositore
scrisse alla Sayn-Wittgenstein (lettera del
17 febbraio 1857): “Il me semble qu’il y a
quelque chose de nouveau dans l’expres-
sion de ce bonheur de voir la nuit, d’en-
tendre le silence”. In questo quadro, cre-
do che appaia più chiaramente perché
Les troyens, un’opera sostanzialmente
ignorata dai suoi contemporanei, sia di-
ventata per noi, oggi, un punto di riferi-
mento irrinunciabile della drammaturgia
musicale ottocentesca. 

Latest

Al Teatro Menotti di Milano la Rassegna ‘Contemporanea 2022’

Contemporanea 2022, dal 18 maggio al 26 giugno, un...

E’ in arrivo il premio cinematografico ‘Vespertilio Awards’

Il Vespertilio Awards è un riconoscimento cinematografico italiano del...

Al Teatro Filodrammatici di Milano ‘Il turista’

Dal 28 aprile al 15 maggio 2022 è in...

Al Teatro Manzoni di Milano Max Angioni in ‘Miracolato’

Il 18 maggio, 31 maggio e 1 giugno 2022...

Newsletter

spot_img

Don't miss

Al Teatro Menotti di Milano la Rassegna ‘Contemporanea 2022’

Contemporanea 2022, dal 18 maggio al 26 giugno, un...

E’ in arrivo il premio cinematografico ‘Vespertilio Awards’

Il Vespertilio Awards è un riconoscimento cinematografico italiano del...

Al Teatro Filodrammatici di Milano ‘Il turista’

Dal 28 aprile al 15 maggio 2022 è in...

Al Teatro Manzoni di Milano Max Angioni in ‘Miracolato’

Il 18 maggio, 31 maggio e 1 giugno 2022...
spot_imgspot_img

Al Teatro Menotti di Milano la Rassegna ‘Contemporanea 2022’

Contemporanea 2022, dal 18 maggio al 26 giugno, un festival dedicato alla creatività giovanile che coinvolgerà diversi linguaggi artistici: teatro, danza, musica, arte visiva,...

E’ in arrivo il premio cinematografico ‘Vespertilio Awards’

Il Vespertilio Awards è un riconoscimento cinematografico italiano del panorama Horror, Giallo, Thriller, Noir, Fantascientifico, Dark Fantasy e Fantastico. È assegnato da Ore D’orrore, 1º...

Al Teatro Filodrammatici di Milano ‘Il turista’

Dal 28 aprile al 15 maggio 2022 è in scena a Milano al Teatro Filodrammatici Il turista, di Bruno Fornasari, che ne cura anche...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: