Si apre ufficialmente la stagione del Piccolo Eliseo con “Purgatorio” di Ariel Dorfman Regia Carmelo Rifici con Laura Marinoni e Danilo Nigrelli

0
651
Laura Marinoni, Danilo NIgrelli, regia Carmelo Rifici

Condannati o redenti, vittime o carnefici, sinceri o bugiardi

La creazione di Carmelo Rifici, Purgatorio di Ariel Dorfman, di cui
sono protagonisti Laura Marinoni e Danilo Nigrelli, più che una riscrittura della Medea, è un’opera autonoma che parte dalle vicende della Medea.

Ariel Dorfman, scrittore da sempre impegnato nella difesa dei diritti umani, riprende il mito e gli ingredienti della tragedia classica per scrivere un’opera teatrale sulla violenza e la crudeltà. Un lavoro di grande intensità come già La morte e la fanciulla, da cui Roman Polanski trasse il suo celebre lungometraggio. Il suo Purgatorio è un luogo astratto – uno strano ambiente da cui si può uscire, ma in cui si ritorna comunque – dove un uomo e una donna devono confrontarsi con le verità della loro vita e, attraverso le parole e i ricordi, tentare di redimersi da un tragico destino.

Laura Marinoni, Danilo NIgrelli, regia Carmelo Rifici

Il mito – scrive Carmelo Rifici nelle sue note di regia – ci aiuta da sempre a muoverci nell’universo delle domande: chi siamo, verso dove andiamo. Il mito di Medea e di Giasone è ancora oggi spaventosamente importante. Medea, la straniera, si vendica di un Occidente che non le riconosce il suo status quo, la sua identità di diversa. Medea risulta colpevole di fronte a Giasone, inorridito dall’infanticidio. Ma dove sta la verità? Chi è responsabile della violenza furiosa di Medea? Chi è responsabile, oggi, dell’esodo di vittime che si muovono verso un Occidente che le teme? Queste le domande che mi portano a scegliere il bellissimo testo di Dorfman, abile a creare un meccanismo di suspense, dove è impossibile riconoscere la vittima e il carnefice, che nella loro disperata difesa di non prendere responsabilità, creano un luogo indifferenziato, dove muoversi quasi fossero un unico identico personaggio. Il meccanismo dello spettacolo tenderà a mettere spalle al muro i due protagonisti, in un gioco serrato di accuse, riflessioni, attacchi e difese, in modo da svelare l’autentico antidoto contro ogni assurda violenza: la capacità di perdonare.

 

Una stanza. Potrebbe essere un carcere, un manicomio, un luogo di tortura o il Purgatorio. Due personaggi: un uomo e una donna sono chiamati a confrontarsi con le loro sanguinose vite passate, per maturare consapevolezza delle azioni compiute e tentare di redimersi. Il dialogo è stretto, domande e risposte, quasi un interrogatorio. Ma chi è la vittima? E chi il carnefice?

Nel primo capitolo, l’uomo, uno psichiatra, cerca di scoprire i più intimi segreti di una donna, responsabile di un feroce assassinio. Con un serrato interrogatorio tenterà di smascherare le difese e le bugie per cercare di guarirla.

Laura Marinoni, Danilo NIgrelli, regia Carmelo Rifici

Nel secondo capitolo, sarà invece l’uomo a dover affrontare le domande di una scaltra terapeuta. Per potersi liberare dal suo doloroso passato sarà costretto ad ammettere le proprie colpe e il dolore provocato agli altri.

Solo attraverso il perdono ci potrà essere riconciliazione e solo nella terza parte il pubblico potrà finalmente scoprire se i due saranno condannati o redenti, vittime o carnefici, sinceri o bugiardi.

Scene e costumi Annelisa Zaccheria

Musiche Zeno Gabaglio

Soprano Sandra Ranisavljevic

Disegno luci Matteo Crespi

Video Roberto Mucchiut

In video Edoardo Chiodi e Michelangelo Colella

Durata: 90 minuti (atto unico)

 

PICCOLO ELISEO

Da mercoledì 27 settembre a domenica 8 ottobre 2017

 

Orario spettacoli:

Da martedì a sabato ore 20.00

domenica ore 17.00

 

Biglietteria tel. 06.83510216

Giorni e orari: lun. 13 – 19, da martedì a sab 10.00 – 19.00, dom 10 – 17

Via Nazionale 183 – 00184 Roma

Biglietteria on-line www.teatroeliseo.com e www.vivaticket.it

Call center Vivaticket: 892234