Seconda edizione di OnStage! festival a Roma L’America è di scena

0
116

La seconda edizione di OnStage!Festival, il primo Festival di Teatro Americano in Italia, presentato da KIT Italia e The International Theatre in partenariato con Kairos Italy Theater a New York, arriva a Roma dall’11 al 15 novembre, abitando gli spazi dell’Off Off Theatre e del Teatro di Roma (Villa Torlonia e Teatro del Lido) con un programma fortemente innovativo e improntato sulla contemporaneità delle tematiche affrontate.

Una programmazione variegata costruito per offrire esempi eterogenei di ciò che viene prodotto in particolare sulla scena statunitense, sia in termini di spettacoli che in termini di progetti per lo sviluppo della drammaturgia. Concepito come essenziale momento di intersezione multiculturale, On Stage presenta anche letture e incontri di approfondimento sulle tematiche degli spettacoli, per scoprire come gli argomenti di una società contemporanea così distante siano in effetti molto vicini a noi.

In anteprima, il 5 novembre, dalle ore 16, ci sarà una giornata pre Festival organizzata con il Centro Studi Americani – Università Roma Tre – Mentor Project del Cherry Lane Theatre di New York, dal titolo DIETRO LE QUINTE: TRADURRE PER LA SCENA, primo di una serie di incontri proposti dal festival per raccontare il percorso attraverso cui la drammaturgia straniera, in questo caso americana, viene resa accessibile in un contesto culturale diverso. Un video incontro con l’autore e lettura di estratti del testo nella traduzione italiana realizzata da Anna Cadoni, nell’ambito del progetto “La traduzione per il teatro” in collaborazione con Università Roma Tre, di “Three Girls Never Found The Way Home/Tre ragazze non trovarono mai la strada di casa” di Matthew Paul Olmos.

Un misterioso, metaforico testo sui preconcetti e le resistenze nel momento in cui si incontra l’ “altro” e sulla disparità di trattamento delle razze nella cultura USA. Intervista all’autore e letture in italiano a cura di OnStage!festival.

Direttamente dagli Stati Uniti, appuntamento poi l’11 novembre all’ Off Off Theatre (ore 20:30) con When We Went Electronic, prodotto da The Tank NYC e scritto da Caitlin Saylor Stephens, un miscuglio psicotropico che descrive l’esperienza della sopravvivenza allo stupro. Scuole finite. Due modelle American Apparel® cercano di recuperare la memoria dopo una tragica notte brava, ma quando iniziano ad accadere cose molto strane, le ragazze cominciano a farsi domande sulla natura sintetica dei loro tessuti e a chiedersi se quello che credono sia accaduto è reale. Forse la notte scorsa non è stata una gran festa dopotutto. La Compagnia The Tank porta in scena, dunque, uno spaccato inedito e critico del mondo della moda, e non solo. Sempre la sera dell’ 11 novembre, al Teatro del Lido di Ostia (ore 21:00) è la volta di Reach, scritto da Ryan Sprague per Ivy Theatre Company, che esplora il mondo del disturbo post traumatico da stress e la distanza che si può instaurare tra famiglia e amici nel tentativo di spingere qualcuno lontano dal baratro, in replica anche all’ Off Off Theatre il 13 novembre (ore 20:30).

Le storie di donne soldato raccolte di prima mano dalla compagnia e riproposte montate drammaturgicamente sono invece il fulcro diIn Their Footsteps, scritto e diretto da Ashley Adelman, in scena il 12 novembre (ore 20:30) sempre all’ Off Off Theatre. Oltre 50 anni fa migliaia di giovani donne americane partirono per il Vietnam per servire il loro Paese durante la guerra. Infinite Variety Productions ha intervistato cinque di queste donne: due ufficiali e tre impiegate civili, tutte volontarie. I loro ricordi intensi, orripilanti, divertenti e teneri sono stati ricomposti in storie senza tempo che raccontano il lato umano della guerra.

Il 14 novembre (ore 20:30) all’ Off Off Theatre è la volta di Do My Mouth di e con Davis Freeman (artista americano trapiantato in Belgio), un connubio tra stand-up comedy, TED talk e discorso motivazionale, in cui si riflette su vita, morte, me too e Ku Klux Khan. “Do my Mouth” è un viaggio tragicomico tra dolore e amore, perdita e crescita, gioia e imbarazzo, in cui Davis Freeman esorcizza i propri demoni esponendosi mentre disseziona ricordi intimi. Ripercorre la propria ricerca di equilibrio fra carriera e vita vissuta a pieno: la storia di un artista, padre, fratello e amante, che si svela attraverso imbarazzanti reminiscenze sessuali, segreti familiari dolorosi e un’interiore ricerca di “gioia, leggerezza e felicità” non solo per sé stesso ma anche per lo spettatore.

Infine, The Baby Monitor, prodotto da Different Translations, in scena all’ Off Off Theatre il 15 novembre (ore 20:30): uno spettacolo che ruota attorno al concetto di famiglia nella società che cambia, ponendo domande sulla legittimità dell’adozione per le coppie omosessuali. Un testo che pone domande cruciali sulla genitorialità in coppie omosessuali e sui valori della famiglia americana (e non solo) oggi.

Selezionati tramite bando, gli spettacoli affrontano temi di grande attualità in USA e nel mondo occidentale in genere, utilizzando linguaggi teatrali diversi. Sono presentati in lingua originale con sopratitoli in italiano (*traduzioni realizzate in collaborazione con il Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Straniere dell’Università di Roma Tre, sopratitoli a cura del Festival) e saranno sempre seguiti da un incontro con le compagnie in collaborazione con esperti, per dar modo al pubblico di approfondire i temi confrontandosi direttamente con gli artisti stranieri (con traduzione simultanea).

Evento di punta di questa cinque giorni romana di OnStage!Festival è, inoltre, la Cerimonia ufficiale di consegna del premio all’autore, eccezionalmente presente a Roma, del testo vincitore del 2° OnStage Award: The Lost Sock Laundry (Lavanderia Calzino Perso), il 15 novembre (ore 16:00) al Teatro Torlonia, in collaborazione con il Teatro di Roma.

The Lost Sock Laundrydi Ivan Faute, testo vincitore dell’ On Stage Award 2020, il premio attribuito ad un drammaturgo professionista statunitense per un testo inedito, offrendo l’opportunità di una prima mondiale nell’ambito di OnStage!festival, la pubblicazione del testo e la donazione di un’opera d’arte realizzata appositamente come effige del premio, che per questa edizione è firmata dallo scultore e scenografo Sergio Gotti, presente alla serata di premiazione.

The Lost Sock Laundry, Lavanderia calzino perso nella traduzione di Pietro Bontempo, che andrà in scena in forma di lettura in italiano diretto per l’occasione da Mauro Santopietro, èun affresco che affronta la tematica dell’integrazione, molto sentita in tempi di tensioni razziali come quelli in cui viviamo. I personaggi abitano un mondo multietnico pieno di stereotipi e pregiudizi che tentano di superare insieme. Ambientato in una lavanderia automatica ad Astoria, Queens, New York, dove donne di varie etnie di incontrano e condividono questioni familiari quotidiane, il testo esplora amicizia, identità e cultura nazionale, ma anche la storia umana dell’America e il tema dell’accoglienza di nuove culture.

OFF OFF THEATRE

11 NOVEMBRE ORE 20:30 – SPETTACOLO (in inglese con sopratitoli)

When we went electronic/Quando siamo diventate elettroniche

The Tank NYC

Scritto da Caitlin Saylor Stephens

Diretto da Meghan Finn

Con Drita Kabashi, Madelyn Robinson

Costumi e trucco by Sharne van Ryneveld

Design luci Sarah Johnston

Canzoni Sarah Frances Cagianese & Caitlin Saylor Stephens

Scene Skye Morse-Hodgeson

Coreografie di combattimento David Anzuelo

Suono Andrew Horowitz

Traduzione Enrico Mariani*

Kilroy’s List Honorable Mention

Scuole finite. E’ il 2008. Due modelle American Apparel® cercano di recuperare la memoria dopo una tragica notte brava. Ma quando iniziano ad accadere cose molto strane, le ragazze cominciano a farsi domande sulla natura sintetica dei loro tessuti e a chiedersi se quello che credono sia accaduto è reale. Forse la notte scorsa non è stata una gran festa dopotutto. Letteralmente.

The Tank è un’associazione senza scopo di lucro dedicata ad artisti emergenti che sperimentano nuove idee e forme di espressione. Ogni anno sostiene oltre 2000 artisti e più di 400 opere in diverse discipline, promuovendo un contesto inclusivo, una politica dei prezzi abbordabile e una visione democratica del lavoro, che rende aperta a tutti la creazione e la frequentazione delle arti. Cuore del lavoro di The Tank è la messa a disposizione gratuita di due teatri (98 e 56 posti) a Manhattan, e l’offerta di altri servizi come spazio prove, promozione e altro. www.thetanknyc.org

12 NOVEMBRE ORE 20:30 SPETTACOLO (in inglese con sopratitoli)

In their footsteps/Sui loro passi

Infinite Variety Productions

Scritto e diretto da Ashley Adelman

Con Janessa Floyd, Kate Szekely, Chrystal Bethell, Kristen Hasty, Kelly Teaford,

Traduzione Giada Fumaselli*

Oltre 50 anni fa migliaia di giovani donne americane partirono per il Vietnam per servire il loro Paese durante la guerra. Infinite Variety Productions ha intervistato cinque di queste donne: due ufficiali e tre impiegate civili, tutte volontarie. I loro ricordi intensi, orripilanti, divertenti e teneri sono stati ricomposti in storie senza tempo che raccontano il lato umano della guerra.

Infinite Variety Productions è una compagnia teatrale senza scopo di lucro impegnata a dar luce a racconti focalizzati su storie inedite di donne. Attraverso ricerche, interviste e documentazione, lavora per la sensibilizzazione del pubblico, in collaborazione con organizzazioni che hanno come missione la tematica centrale di ciascuna opera. Negli ultimi due anni la compagnia ha operato in partnership con VWMF, Justice for Magdalenes, e The Mount Sinai Hospital, Dept. of Occupational Health and Hazard. www.infinitevarietynyc.org

13 NOVEMBRE ORE 20:30 SPETTACOLO (in inglese con sopratitoli)

Reach

Ivy Theatre Company

Scritto da Ryan Sprague

Diretto da Audrey Alford

Con Katie Braden e Brandon Ferraro

New Orleans, 2006. Jordan si forza a tornare nella vita di Leila dopo che lei si è tagliata fuori dal mondo. La sua visita a sorpresa la costringerà ad affrontare la realtà o lei lo rimanderà indietro a Chicago?

Ivy Theatre Company è stata fondata da Audrey Alford, Katie Braden e Gwenevere Sisco. Si dedica a una narrazione dinamica che esplora la condizione umana in modo viscerale, per provocare il cambiamento attraverso la sfida ad artista e pubblico. Il loro lavoro si arrampica e trapassa i muri che ostacolano e mettono a tacere le voci delle minoranze e degli oppressi. Sono conosciuti per le produzioni Off Broadway ‘Donkey Punch’ di Micheline Auger e ‘A Real Boy’ di Stephen Kaplan. Hanno prodotto più di dieci spettacoli a New York City e una serie annuale di letture, Trellis Project.

14 NOVEMBRE ORE 20:30 SPETTACOLO (in inglese con sopratitoli)

Do my Mouth

Random Scream & Bit Teatergarasjen

Di e con Davis Freeman

E con Kaya Freeman

Video grafica Sam Vanoverschelde.
Ringraziamenti speciali a Diane Foudringer e Need Company

Traduzione OnStage! festival


Do my Mouth è un viaggio tragicomico tra dolore e amore, perdita e crescita, gioia e imbarazzo, in cui Davis Freeman esorcizza i propri demoni esponendosi mentre disseziona ricordi intimi. Ripercorre la propria ricerca di equilibrio fra carriera e vita vissuta a pieno. La storia di un artista, padre, fratello e amante, che si svela attraverso imbarazzanti reminiscenze sessuali, segreti familiari dolorosi e un’interiore ricerca di “gioia, leggerezza e felicità” non solo per se stesso ma anche per lo spettatore.

Random Scream è stata creata nel 1999 per esporre gli elementi eclettici della cultura quotidiana alla luce di danza, teatro e arti visive. Originariamente fondata con l’artista Lilia Mestre, Random Scream è oggi sotto la direzione artistica di Davis Freeman e include un gruppo di collaboratori in continua evoluzione. Il progetto intende sollevare l’attenzione sul quotidiano, focalizzando l’attenzione sull’interazione personale e su come le nostre scelte influenzino direttamente tutti noi e la comunità in cui viviamo. www.randomscream.be

15 NOVEMBRE ORE 20:30 SPETTACOLO (in inglese con sopratitoli)

The Baby Monitor

Produzione Different Translation LLC

Di David Stallings

Regia Antonio Miniño

Con Paul Herbig, Mel House, Amanda Jones, Antonio Miniño, Ashley Marie ortiz, David Stallings

Quando la preoccupazione di Claire per il benessere del cuginetto di due anni viene pericolosamente sollevata, lei mette in discussione i principi e le qualità dell’essere genitore. Un testo che pone domande cruciali sulla genitorialità in coppie omosessuali e sui valori della famiglia americana oggi.

Different Translation presenta esperienze irresistibilmente viscerali e teatrali riflesso della verità contemporanea. Lavora su testi che contengano uno o più caratteri appartenenti a minoranze etniche, generi diversi e che abbiano oltre i 30 anni. Lavora inoltre su opere multilingue di artisti locali e internazionali. Conosciuta in origine come Fab Marquee Productions, Different Translation è curate dall’artista Antonio Miniño, dominicano.

TEATRO DEL LIDO

11 NOVEMBRE ORE 20:30 SPETTACOLO (in inglese con sopratitoli)

Reach

Ivy Theatre Company

Scritto da Ryan Sprague

Diretto da Audrey Alford

Con Katie Braden e Brandon Ferraro

New Orleans, 2006. Jordan si forza a tornare nella vita di Leila dopo che lei si è tagliata fuori dal mondo. La sua visita a sorpresa la costringerà ad affrontare la realtà o lei lo rimanderà indietro a Chicago?

Ivy Theatre Company è stata fondata da Audrey Alford, Katie Braden e Gwenevere Sisco. Si dedica a una narrazione dinamica che esplora la condizione umana in modo viscerale, per provocare il cambiamento attraverso la sfida ad artista e pubblico. Il loro lavoro si arrampica e trapassa i muri che ostacolano e mettono a tacere le voci delle minoranze e degli oppressi. Sono conosciuti per le produzioni Off Broadway ‘Donkey Punch’ di Micheline Auger e ‘A Real Boy’ di Stephen Kaplan. Hanno prodotto più di dieci spettacoli a New York City e una serie annuale di letture, Trellis Project.

TEATRO TORLONIA

15 NOVEMBRE ORE 16:00 – CERIMONIA DI PREMIAZIONE E LETTURA On Stage Award (in italiano)

Lavanderia calzino perso/The Lost Sock Laundry

Di Ivan Faute

Traduzione Pietro Bontempo

Lettura a cura di Mauro Santopietro

THE LOST SOCK LAUNDRY è un luogo di incontro con regole condivise circa l’uso delle lavatrici Maytag, il tempo massimo di utilizzo dell’asciugatrice e l’occupazione della macchina per conto di un’amica. Irene, immigrata greco-americana di seconda generazione, e Micaela, americano-messicana di prima generazione, si incontrano spesso scambiandosi storie, pettegolezzi. Quando una nuova immigrata libanese, Dina, inizia a frequentare il posto, le due donne lentamente e con diffidenza stringono amicizia con lei. Mentre le loro vite di intrecciano, tutte si confrontano sulla propria visione di identità, cultura e nazionalità.

Ivan Faute – Drammaturgo e scrittore. I suoi progetti includono il monologo femminile On Arriving in London, the City Lit (Chicago), raccomandato da OFFCom e OFFFest; “Poe’s The Fall of the House of Usher”, vincitore dell’ Art of Adaptation Festival; The Darling Children presentato al New York International Fringe e la piece di teatro-movimento Life, Death, & Everything In-Between al Capital Fringe (DC). Il suo testo teatrale Elephant: A Comedy è stato finalista all’ Award of Excellence in Playwriting promosso dall’ Association for Theater in Higher Education. The Lost Sock Laundry è stato sviluppato grazie al Clamour Theatre’s Clay & Water Playwrights’ Retreat e al Broadway Bound Incubator Reading Series. Oltre alle produzioni a New York, Londra, Houston, e Chicago, la sua firma appare in più di tre dozzine di riviste. E’ stato inoltre finalista al Premio Calvino, www.ivanfaute.org

BIGLIETTI

Ingresso agli spettacoli: € 15 intero, € 13 ridotto, € 10 convenzioni

Abbonamento libero a 5 ingressi € 55

Ingresso libero alle letture

Prenotazioni e prevendita:

ROMA – Off-Off Theatre, Via Giulia, 20 – Tel. +39.06.89239515

Teatro del Lido, Via delle Sirene, 22, Ostia – Tel. 06 564 6962

Teatro Torlonia – ingresso libero con prenotazione su Eventbrite

Centro Studi Americani – ingresso libero con prenotazione su Eventbrite