Presentata la stagione 2013/14 al Teatro Franco Parenti di Milano

0
576
Ricchissimo come sempre il cartellone del Franco
Parenti, annunciato da Andrée Ruth Shammah nel corso di una affollatissima
conferenza stampa, presenti anche molti attori che si esibiranno sul palco nel
corso della stagione 2013/2014.
Quest’anno gli spettacoli, dato il loro numero
(circa 40), sono stati raggruppati in sezioni.

Michele Placido arriva alla conferenza stampa
Nel gruppo ‘Grandi
interpreti’
il 22 ottobre debutta Luca Barbareschi con “Il discorso del
re”, di David Seidler, testo noto per l’omonimo film con Colin Firth. Gli spettacoli
che seguiranno comprendono “L’uomo dal fiore in bocca”, di Pirandello, con
Corrado Tedeschi, “Beniamino”, con Ennio Fantastichini, regia di Giancarlo Sepe,
“Gadda e il teatro”, di e con Fabrizio Gifuni, in scena un’unica sera, il 5
novembre. Successivamente si alterneranno nelle varie sale del teatro
Alessandro Haber e Alessio Boni ne “Il visitatore”, di Eric-Emmanuel Schmitt,
regia di Valerio Binasco, Nicoletta Braschi in “Giorni felici”, di Samuel
Beckett, Sonia Bergamasco in “Karenina”, di Tolstoj, regia di Giuseppe
Bertolucci, Geppy Gleijeses e Lello Arena in “Miseria e nobiltà”, di Scarpetta,
il grande Gianrico Tedeschi in “Farà giorno”, regia di Piero Maccarinelli.
Dal 27 dicembre al 5 gennaio Moni Ovadia sarà in
scena nel suo “Cabaret yiddish”. Successivamente sarà in scena “Il
soccombente-ovvero il mistero di Glenn Gould, con un altro grande del nostro
teatro, Roberto Herlitzka. Leo Gullotta sarà il protagonista di “Prima del
silenzio”, di Giuseppe Patroni Griffi. Valerio Binasco dirigerà Ivano Marescotti
in “La fondazione”, mentre Rocco Papaleo porterà il suo “Una piccola impresa
meriodionale bis”. La stagione verrà chiusa in bellezza da Filippo Timi che
tornerà con il suo “Don Giovanni” e con uno spettacolo a sorpresa, affiancato
da una compagnia di giovani e bravissimi attori (tre nomi per tutti: Umberto
Petranca, Marina Rocco ed Elena Lietti), che saranno anche gli interpreti di
“Gli innamorati” di Carlo Goldoni, per la regia di Andrée Ruth Shammah,
spettacolo di punta del gruppo ‘Classici…con
sguardo contemporaneo
’.
 

Filippo Timi
Nel gruppo ‘Novità…tutte
italiane
’ ben tre spettacoli interpretati da Silvia Giulia Mendola:
“Marilyn”, di Cinzia Spanò, “L’inquilino”, di Fabio Banfo e “Saccarina”. Nello
stesso gruppo alcuni ritorni sul palcoscenico del Parenti: Annina Pedrini in
“Niente più niente al mondo”, di Massimo Carlotto, e Roberto Trifirò in
“L’affaire Moro”, oltre a “Peperoni difficili”, di Rosario Lisma, con Anna
Della Rosa e “Bellas mariposas”, di Sergio Atzeni.

Spettacolo di punta del gruppo ‘Contemporanei…visti come piccoli classici
sarà “Identità”, di e con Marco Baliani, ma gradevoli sorprese potrebbero
arrivare da “L’origine del mondo”, di Lucia Calamaro, vincitore di 3 premi Ubu
2012 e da “Il tormento e l’estasi di Steve Jobs”, di Mike Daisey.

A fianco di questi ci saranno “A letto dopo
Carosello”, di e con Michela Andreozzi, con la regia di Paola Tiziana Cruciani,
e molti altri spettacoli e iniziative, come i Giovedìx letterari di Gioele Dix,
gli spettacoli di Teatro Ragazzi e il festival “Energie – La creatività di Tel
Aviv”, che porterà per la prima volta in Italia i gruppi di teatro, danza e
musica israeliani più interessanti. (R. Bocchi)