Martedì 10 Maggio Red Ronnie introduce “Il Fascino Indiscreto della Scarsità” il nuovo libro di Stefano Sacchi

0
936

Martedì 10 maggio 2016 ore 19.00

Mondadori Megastore

piazza Duomo1

Milano

Stefano Sacchi

presenta il suo libro

Il Fascino Indiscreto della Scarsità

introduce

Red Ronnie

con la partecipazione di

Domiziana Giordano, Paola Marella e Toni Thorinbert

 

“Tutto quello che appare raro, da collezione, unico assume automaticamente un valore più elevato ed esercita un’attrazione è una seduzione molto forti.”

Dopo esperienze nella formazione e nell’insegnamento, Stefano Sacchi da oltre 15 anni si confronta con pianificazione, processi di produzione, marketing, merchandising, licensing e co-branding. È stato CEO di un brand internazionale associato alla Camera Nazionale della Moda Italiana per il quale a conseguito il riposizionamento tramite una strategia di Heritage marketing. Oggi è consulente per differenti brand e docente di Fashion Buying, Visual Merchandising, Branding e Tecniche di Marketing presso Accademia del Lusso. Appassionato di arte e design è autore con Andrea Balconi di Modaterapia, Salani, 2013, con Paolo Lucci di Brand Jamming, FrancoAngeli, 2014, e di Fashion Puzzle. Come comporre un offerta di successo nella moda, FancoAngeli, 2015. “Per quanto riguarda l’ispirazione e l’idea del libro, questa è nata dall’osservazione del numero sempre crescente di limited edition anche in settori dove esse sono platealmente false in quanto facenti riferimento a beni con caratteristiche di serialità evidenti.

image
La limitazione studiata a tavolino e che si traduce in Ltd edition o temporary store (oggi ribattezzati più modernamente Pop-up) ha solo lo scopo di creare una tensione nel nostro processo decisionale di acquisto e di persuaderci a comprare velocemente.

image
Per me che da sempre amo il collezionismo, il vintage autentico (anche semplicemente per curiosità più che per reali acquisti) questa tendenza è da un lato interessante ( da un punto di vista accademico-sociologico), ma dall’altro anche esaltando spesso collaborazioni tra brand si traduce in una contraddizione di termini e …passioni.
Il vero collezionista o il vero amante di pezzi unici o realmente limitati come può amare collezioni di moda che hanno recentemente industrializzato il vintage? Quale fascino può emanare questa scarsità fasulla?
Ovviamente ho tentato di trattare il tema nella maniera più neutra passando attraverso le discipline che più gli si avvicinano (economia, psicologia e marketing) lasciando solo alle pagine dedicate alle conclusioni il mio parere.
Nel frattempo ho anche richiesto a 30 professionisti dei settori più disparati di esprimere la propria opinione.
A questi personaggi va tutta la mia riconoscenza e stima per aver accettato di condividere l’opinione che hanno su queste manovre e sul loro rapporto con la percezione del lusso.

image
Dal futurista Marco Lodola (autore anche della cover del testo tratto dalla sua opera “Gli altri siano noi” ispirata al valore della reale differenza) all’attrice e artista contemporanea Domiziana Giordano, da Benedetta Barzini a Antonio Mancinelli di MarieClaire, da Francesco Bianconi, leader dei Baustelle al fotografo di fama internazionale Toni Thorimbert…ad altri ancora.
Dopo aver letto questo piccolo saggio riusciremo a rivedere il nostro rapporto con il vero lusso e a renderci conto che spesso è composto dal tempo che non riusciamo a dedicarci e da ciò che non possiamo comprare?”

L’allestimento della mostra di Giovanna Fra ospitante la presentazione del libro è stato curato da un gruppo di Visual di Accademia del Lusso (Battistin/Tedesco/Uboldi/Dall’Ava)

image