Lillo e Luca (Zingaretti), coppia inedita al cinema

0
748
Dal 2 aprile 2015 nelle sale italiane il nuovo film di Marco Pontecorvo ‘Tempo instabile con probabili schiarite’ (TIPS), interpretato da Luca Zingaretti, Lillo, John Turturro, Carolina Crescentini, Lorenza Indovina, Paola Lavini e il giovane Andrea Arcangeli.

Lillo, Luca Zingaretti e John Turturro

Siamo al
confine tra la Romagna e le Marche, all’interno di una cooperativa che produce
divani e che si trova sull’orlo della bancarotta. I soci fondatori sono due
amici, Ermanno (Lillo) e Giacomo (Luca Zingaretti). Ermanno ha una moglie,
Elena (Lorenza Indovina), e un figlio, Tito, 17 anni, che vive immerso nel
mondo dei comics giapponesi. Giacomo è stato sposato con una tedesca ed abita
solo con Gabriele, il figlio di 18 anni avuto da lei, che vive per il baseball. 

Una notte
Ermanno e Giacomo, scavando un buco in cortile per nascondere dei fusti che
costerebbe troppo smaltire, fanno una scoperta strabiliante: dal sottosuolo
esce petrolio. Questo evento straordinario farà esplodere contraddizioni e
conflitti e metterà a nudo il lato peggiore dei nostri protagonisti. Come
spiega l’esperto ingegner Lombelli (John Turturro), la strada dello
sfruttamento del pozzo è complicata e costosa e la cooperativa, così come i
due amici e l’intero paese, si spacca in due sul da farsi. Per Ermanno è la
fine di un sogno e di un’amicizia. 

Dopo
molti scontri, incertezze e scetticismo la costanza viene premiata: un potente
getto di petrolio schizza verso il cielo. Gli interessi in gioco però sono
troppo grossi. L’amministrazione comunale vuole entrare nell’affare ed Ermanno,
che pur essendo diventato capo del comitato “No Petrolio” si ritrova anche ad
essere anche proprietario del pozzo, per aver in un momento di pietà aiutato
Giacomo, è profondamente contrario perché teme che si possano accaparrare il
progetto. Giacomo invece è di diverso avviso. Una grossa multinazionale gli ha
proposto di comperare tutto e Giacomo vuole vendere. Lo scontro tra gli amici
è senza esclusioni di colpi.

Alla fine
la maggioranza dei soci decide di vendere. Ermanno è distrutto e affranto, nel
paese non lo possono più vedere. Ma il cambiamento arriva grazie al rilancio
della cooperativa da parte di Tito il figlio tanto bistrattato da Ermanno. I
due arrivano finalmente a spiegarsi. Ma un giorno accade qualcosa di
inimmaginabile: il petrolio finisce. Ermanno non riesce a crederci. E’ l’amico
Giacomo a spiegargli l’accaduto: Lombelli sapeva della possibilità che il
petrolio finisse, per questo dovevano vendere. Ermanno è stato tenuto
all’oscuro perché non avrebbe mai accettato né compromessi con il comune né
di dare una fregatura alla multinazionale. Perciò lo hanno escluso… Ermanno
ha infatti un grosso difetto che non riesce a togliersi: è troppo onesto.

Il
trailer del film: https://www.youtube.com/watch?v=0vxtIgGw4GM (R.B.)