“La compagnia del Sole” con “ALLA MODA DEL VARIETA” AL TEATRO DEI CONCIATORI IL 12 E 13 SETTEMBRE ALL’INTERNO DEL COMIC OFF IL FESTIVAL DELLA COMICITA’

0
901

Ieri sera ho avuto la fortuna di assistere a questo piccolo prezioso spettacolo della Compagnia Del Sole di Bari,  scritto diretto e interpretato da tre artisti a tutto tondo,  i bravissimi: Antonella Carone, Toni Marzolla, e Loris Leoci, con la supervisione artistica di Marinella Anaclerio.

Uno spettacolo spumeggiante, pieno di ritmo e nuove trovate nel repertorio classico del varietà italiano, dove la bravura degli interpreti supportati solo da pochi oggetti, oltre a  una chitarra e un violoncello suonati da Loris Leaci, ha coinvolto tutto il pubblico, facendo mantenere  il sorrriso e l’attenzione per tutta la durata dello spettacolo, (al termine c’è anche stato  anche chi timidamente ha urlato bis!). Finalmente uno spettacolo di puro intrattenimento, senza la pretesa di mascherarsi dietro inutili artifici intellettuali, e senza nemmeno la necessità di dovere ricorrere a becere trovate pur di strappare la risata, un progetto che nasce da un amore per questo genere teatrale e televisivo; una onesta ricerca e recupero di questa parte della nostra recente storia di costume e cultura italiana, fonte di ispirazione di tantissimi comici e attori contemporanei.  Uno spettacolo completo, che potrà avere sicuramente uno sviluppo e un arricchimento vista la grande quantità di materiale a disposizione e la versatilità degli interpreti.

Come dimenticare la verve di Petrolini, lo swing fresco del Trio Lescano, i tic di Walter Chiari o le macchiette di Nino Taranto?
I tre attori conducono un viaggio nel secolo scorso, nell’universo luccicante e spensierato del Varietà, dagli esordi che strizzavano l’occhio alla moda del Cafè Chantant fino alle popolari trasmissioni televisive. Tra una mossa della Sciantosa e una rima del Gagà, questo “carosello” del Varietà è anche un tributo all’Amore,  lungo una gamma che va dalla delicatezza di vecchie canzoni suonate e cantate dal vivo all’irriverenza di sketch esilaranti. Gli attori diventano di volta in volta abili trasformisti, versatili musicisti, duettisti, ballerini e finedicitori in un “amarcord” eccentrico fatto di poesia e risate d’altri tempi.

La Compagnia del Sole, attiva dal 2010 sotto la direzione artistica di Marinella Anaclerio e Flavio Albanese, è costantemente impegnata in un lavoro di ricerca che mette al centro il dialogo tra il classico e il contemporaneo, tra le “radici e le foglie”.

Questa occasione per poterli vedere all’opera purtroppo  è oramai passata, vediamo cosa dirà il verdetto del Festival Comic Off.

Intanto vi anticipo che potremo rivederli al Teatro Argentina tra marzo e aprile in un fantastico spettacolo rivolto ai bambini. Sarà mia cura segnalarvelo.

Francesco Falabella