JUDITH “Un distacco dal corpo” di Howard Barker regia di Massimo di Michele al Teatro Belli di Roma

0
42

Continua la rassegna TREND nuove frontiere della scena britannica – XVIII edizione , un festival a cura di Rodolfo di Giammarco, con JUDITH “Un distacco dal corpo” di Howard Barker con la traduzione Enrico Luttmann e la regia di Massimo Di Michele con Federica Rosellini, Aurora Cimino e Giuseppe Sartori. In scena il 25 e 26 novembre al Teatro Belli di Roma.

La storia

Giuditta è la storia apocrifa di una giovane donna di Betulia che, per salvare il suo villaggio assediato dall’armata assira, si reca presso il campo nemico per sedurre il generale Oloferne. Il suo piano è di sorprenderlo nel sonno e di ucciderlo tagliandogli la testa per poi esporla sul più alto bastione, provocando così, il mattino seguente, la ritirata dell’esercito nemico.

Il progetto

In Giuditta, Barker trova il materiale umano ed emotivo che gli consente di sviluppare una “speculazione poetica” basata sulla guerra, il desiderio, la morte, la seduzione. Il tuono impetuoso dell’istinto e la metallica stretta della ragione di Stato. La notte di Oloferne, morsa da febbrili inquietudini, lame di acciaio nella tenebra dei pensieri, è l’ambientazione in cui si muovono Giuditta e il suo piano tragico. Tra le strade caotiche del labirinto delle parole del condottiero Assiro, Giuditta è iniziata ad un discorso sulla morte che tormenta Oloferne. Il tempo diventa rarefatto, si perde al cospetto del pensiero. Paralizza Giuditta e la missione che si è prefissata. È in questo tempo sospeso che Barker fa fluire il rivolo magmatico di desideri, verità, bugie, un turbinio vertiginoso che si avvinghia tra i corpi di Giuditta e Oloferne, li spinge nel caos irreversibile di sensi e ragione mescolati assieme che sembra annichilire ogni volontà ed ogni possibilità di azione. Fino all’intervento della serva, voce da un altro universo, che richiama Giuditta al suo dovere e che ristabilisce la realtà temporale e spaziale in cui i personaggi si muovono. La mia intenzione è quella di trasformare il testo di Barker in una pittura contemporanea, come fosse un dipinto espressionista, in cui il lato emotivo della realtà viene esaltato, quasi esasperato, a dispetto della materia percepibile oggettivamente. I personaggi a cui gli attori daranno vita si muoveranno sulla scena come segni. I loro connotati reali si sublimeranno in gesti, movimenti, tracce di pennello sullo sfondo di una tela astratta. La parola, musicale e potente, ha un ruolo centrale nel testo di Barker. Con mirabile efficacia, l’autore converte la lingua da brutale a poetica a tragica, in un gioco di agilità stilistica di grande virtuosismo. La lingua diventa specchio del turbinoso mulinello dei pensieri e delle emozioni e, come esso, cambia colore e suono, senza pause. Questa multiforme varietà rappresenta allo stesso tempo una sfida e un’incredibile fonte di materiale su cui sperimentare sulla parola, sul suo effetto, sul suo potere di trasferimento emotivo.

Howard Barker

Nato il 28 giugno 1946, è un drammaturgo, sceneggiatore, poeta e saggista inglese. Autore di un esteso corpo di lavori drammatici dal 1970, è principalmente conosciuto per le opere Scenes from an Execution, Victory, The Europeans and The Possibilities, come membro fondatore, drammaturgo principale e scenografo per la compagnia teatrale The Wrestling School. I suoi spettacoli spesso esplorano la violenza, la sessualità e il desiderio di potere. Barker ha pubblicato diversi lavori di poesia, un’opera lirica, e tre collezioni di scritti sul teatro.

Teatro Belli – piazza Sant’Apollonia 11/a- 06 5894875

spettacoli ore 21,00

biglietto intero  € 13 / biglietto ridotto under26 e over 65 € 5