In ‘Black sea’ Jude Law è alla ricerca di un tesoro sommerso

0
536
Esce in questi giorni ‘Black sea’, il nuovo film di
Jude Law, diretto da Kevin Macdonald, una pellicola claustrofobica che vede l’attore
rasato e alla ricerca di un tesoro sommerso.
LA TRAMA
Il capitano di sommergibili
Robinson, con un divorzio alle spalle e un figlio adolescente con cui non ha
quasi alcun rapporto, viene licenziato dalla sua società di recupero relitti.
Robinson decide di
riscattarsi con un’impresa straordinaria: recuperare l’immenso carico d’oro
contenuto in un sommergibile tedesco che giace sul fondo del Mar Nero dal 1941.
Una volta raggiunto il
tesoro sommerso, l’avidità dei membri dell’equipaggio prenderà il sopravvento
in un gioco al massacro alla fine del quale potrà restarne soltanto uno.
Jude Law è considerato uno
dei più bravi attori inglesi, con all’attivo un gran numero di film e ruoli
teatrali.
È stato nominato agli Oscar
per ‘Ritorno a Cold Mountain’ e ‘Il talento di Mr. Ripley’, entrambi di Anthony
Minghella; quest’ultimo gli è anche valso un BAFTA Award come Miglior Attore
non Protagonista. Per entrambi questi lavori è stato anche nominato ai Golden
Globe, così come per ‘A.I. – Intelligenza
artificiale di Steven Spielberg.
Tra i suoi maggiori
successi al botteghino anche ‘Era mio padre’, ‘Closer’, “L’amore non va in
vacanza”, ‘Sherlock Holmes’, ‘Anna Karenina’, per cui è stato candidato come
miglior attore agli Oscar europei.
Kevin Macdonald, regista e
produttore del film, ha vinto il Premio Oscar come Miglior Regista per One Day in September, votato Miglior
Documentario nel 2000.
Nato a Glasgow, in Scozia,
ha realizzato un gran numero di documentari. Ha esplorato un gran numero di
temi, dalla star del muto Eric Campbell alla missione di salvataggio
Kindertransport, dalla rockstar Mick Jagger al criminale di guerra Klaus
Barbie.
‘Touching the Void’ (2003) è
diventato il documentario che ha incassato di più nella storia del cinema
inglese e ha vinto l’Evening Standard e il BAFTA Award come Miglior Film
Inglese. Il suo primo film è stato ‘The Last King of Scotland’ (2006), in cui
la performance di Forest Whitaker è stata premiata, tra gli altri, agli Oscar e
ai BAFTA.
Nel 2009 ha diretto ‘State of play’, con Russel
Crowe e Ben Affleck. (R.B.)