Gli appuntamenti di marzo al Teatro Civico della Spezia

0
768

La Stagione di prosa del Teatro Civico della Spezia propone per il mese di marzo 2018 nuovi appuntamenti da non perdere.

Giovedì 1 marzo è in programma Nel nostro piccolo con Ale e Franz per la regia di Alberto Ferrari. A seguire, martedì 6 e mercoledì 7 marzo, Delitto/Castigo adattamento teatrale di Sergio Rubini e Carla Cavalluzzi dell’opera più letta e conosciuta di Fëdor Dostoevskij, con Luigi Lo Cascio e Sergio Rubini. Gradito ritorno al Teatro Civico della Compagnia Gank che, mercoledì 21 e giovedì 22 marzo, sarà in scena con La bottega del caffè di Carlo Goldoni prodotta dal Teatro de Gli Incamminati per la regia di Antonio Zavattieri.

Gente di facili costumi

Mercoledì 14 marzo in cartellone Gente di facili costumi di Nino Manfredi e Nino Marino con Antonio Salines e Francesca Bianco, un appuntamento che va ad arricchire la Stagione di prosa grazie alla collaborazione con il Teatro Belli di Roma. Gli abbonati potranno assistere gratuitamente allo spettacolo fino ad esaurimento posti. Le prenotazioni sono aperte.

Ale e Franz

Nel nostro piccolo è un viaggio alla ricerca del punto di partenza, che ha mosso la ricerca di comicità di Ale e Franz. Giorgio Gaber e Enzo Jannacci sono i punti fermi di questo percorso. Nel nostro piccolo è il racconto di un mondo visto dalla parte di chi ha il coraggio, con le proprie idee, di vedere dentro la vita di ognuno. Parla del coraggio di vivere storie non sempre vincenti, della forza di trasmettere emozioni vere. Ale e Franz portano sul palco tutto questo con la loro comicità tanto folgorante quanto profondamente umana. E con la voglia di mostrare come un percorso così profondo come quello dei due cantautori milanesi abbia a aiutato e guidato la riflessione di tanti altri artisti.

Lo Cascio/Rubini

Delitto/Castigo è un nuovo progetto sul “teatro non teatro” di Sergio Rubini.  Attraverso la riscrittura e l’ausilio di un rumorista e di una cantante, Luigi Lo Cascio e Sergio Rubini conducono un viaggio attraverso i capitoli di una delle più grandi opere letterarie mai scritte, la più letta e conosciuta dello scrittore russo Fëdor Dostoevskij.  Delitto e Castigo è un classico, capace di rendersi psicologicamente e culturalmente attuale anche a distanza di più di 130 anni. Un invito a misurarsi con le proprie paure, i propri errori, la società, la legge, il mondo. Lo Cascio e Rubini sono le due voci dell’opera e trascinano lo spettatore nel racconto, facendogli vivere in prima persona l’ossessione del protagonista.

La bottega del caffè

Scritta da Carlo Goldoni nel 1750, La bottega del caffè racconta “in diretta” da una piazzetta di Venezia la vita delle persone che si raccolgono intorno a tre botteghe. In questo spazio sospeso tra la realtà e il teatro, la commedia disegna vari e meravigliosi personaggi: avventori, gestori delle attività, giocatori, caratteri universali e sempre ricchi di umanità. Il vizio e la colpa, la virtù e le passioni muovono e animano queste creature che racchiudono in loro ingenuità e malvagità, speranze e furore. La Compagnia Gank con il regista Antonio Zavattieri reinventano quella piazza, quelle botteghe e quelle anime cercando di rifuggire le forme stereotipate della commedia settecentesca, ma tenendo conto dell’imprescindibile arte e leggerezza goldoniana.

Il sito del teatro: http://www.teatrocivico.it (R.B.)