Fondazione Petruzzelli: La grande musica della Stagione 2017 fra Opera, Balletto e Concertistica. In programma anche Conversazioni sull’Opera e Visite guidate tutto l’anno

0
716

logofondazione

Nel 2017 la Fondazione Petruzzelli presenta un cartellone di respiro europeo, in linea con la programmazione dei grandi Teatri italiani. Sei titoli d’opera, due dedicati alla grande danza, ben 17 appuntamenti concertistici di rilievo, le “Conversazioni sull’opera” a cura di studiosi di caratura nazionale, visite guidate ogni fine settimana per tutto l’anno.

antonio-decaro“Credo che la nuova stagione lirico-sinfonica che presentiamo oggi –dichiara il sindaco di Bari e Presidente della Fondazione Petruzzelli Antonio Decaro- sia la prova che il Teatro Petruzzelli, dopo un anno burrascoso, è più in forma che mai e, soprattutto, ha tutte le carte in regola per centrare l’obiettivo di diventare un punto di riferimento stabile nel panorama artistico e culturale nazionale.

Da presidente della Fondazione e da sindaco sono onorato di essere parte di questo percorso che coinvolge non solo il Teatro e la Fondazione ma tutta la città di Bari, che nei prossimi mesi sarà palcoscenico di una serie di eventi artistici e musicali di grande qualità, dei quali siamo orgogliosi.

Ringrazio il sovrintendente Biscardi per il grande lavoro di programmazione che ci ha portati fin qui, con un cartellone straordinario da proporre al nostro pubblico che ci auguriamo diventi sempre più numeroso ed eterogeneo. In questo senso credo che la Fondazione stia facendo un egregio lavoro per far conoscere questo teatro ai cittadini di tutte le età”.

Con le proposte della Stagione 2017 la Fondazione pugliese rafforza il legame fra il Teatro Petruzzelli e le più importanti realtà produttive del territorio italiano e con artisti di fama mondiale. Il risultato è un cartellone pensato per soddisfare le diverse aspettative del pubblico, fra rispetto per la tradizione e affascinanti novità.

Importante sottolineare la palpabile convenienza della sottoscrizione dell’Abbonamento alla Stagione 2017.

 teatro-petruzzelli-1132x509

Agli Abbonati della Stagione d’Opera e Balletto 2017 la Fondazione Petruzzelli regala lo spettacolo Les ballets Trockadero de Monte Carlo ed applica uno sconto del 57% su quello dei Momix.

Agli Abbonati della Stagione Concertistica 2017 la Fondazione Petruzzelli offre la possibilità di risparmiare il 40% sull’acquisto totale dei biglietti.

La prelazione per i vecchi abbonati partirà lunedì 10 ottobre 2016 e terminerà giovedì 10 novembre 2016. La sottoscrizione dei nuovi abbonamenti partirà lunedì 14 novembre 2016. La data di vendita dei biglietti per i singoli eventi sarà comunicata successivamente. Il botteghino sarà aperto dal lunedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00. Informazioni: 080.075.28.10.

L’apertura della Stagione d’Opera 2107, il 27 gennaio alle 20.30, sarà affidata a La gazza ladra di Gioachino Rossini per la regia di Damiano Michieletto e la direzione di George Petrou, allestimento scenico del Rossini Opera Festival.

Il 7 febbraio alle 20.30 è in cartellone “W MOMIX FOREVER” di Moses Pendelton, fra gli spettacoli più noti ed apprezzati della storica compagnia che con le sue performance sorprendenti entusiasma un pubblico di tutte le età.

Il 4 marzo alle 18.00 sarà la volta di Manon Lescaut di Giacomo Puccini, per la regia di Pierfrancesco Maestrini e la direzione di Giuseppe La Malfa, allestimento scenico della Fondazione Teatro Massimo di Palermo.

Il 12 maggio alle 20.30, novità assoluta per Bari, andrà in scena THE GERSHWINS’® PORGY AND BESS di George Gershwin, DuBose e Dorothy Heyward, Ira Gershwin.
Lo spettacolo del New York Harlem Theatre, per la regia di Baayork Lee, vedrà impegnata l’Orchestra del Teatro Petruzzelli e il Coro del New York Harlem Theatre, sul podio William Barkhymer. In collaborazione con Ater.

Il 13 settembre alle 20.30 è in programma Aida di Giuseppe Verdi, per la regia di Joseph Franconi Lee e la direzione di Giampaolo Bisanti e Giuseppe La Malfa (19 settembre). L’allestimento scenico è del Teatro Regio di Parma.

Il 12 ottobre alle 20.30 si esibiranno al Petruzzelli gli artisti de Les ballets Trockadero de Monte Carlo, compagnia famosa in tutto il mondo, formata da danzatori tutti uomini e professionisti che si esibiscono en travesti, nel pieno rispetto delle regole del balletto classico tradizionale. L’aspetto comico travolgente nei loro spettacoli viene raggiunto esagerando le manie, gli incidenti ed esasperando le caratteristiche tipiche della danza rigorosa. Dirigerà l’Orchestra del Teatro Petruzzelli il maestro Nada Matosevich. In collaborazione con Ater.

Il 3 novembre alle 20.30 andrà in scena Lucia di Lammermoor, per la regia di Gilbert Deflo e la direzione di Antonino Fogliani, allestimento scenico della Fondazione Teatro delle Muse di Ancona e della Fondazione Teatro Massimo di Palermo.

A chiudere la Stagione d’Opera, il 13 dicembre alle 20.30, un grande classico dell’operetta internazionale, anche questo novità per Bari, Il pipistrello di Johann Strauss per la direzione di Nir Kabaretti e la regia di Daniel Benoin. Lo spettacolo è un allestimento scenico del Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste.

Il nuovo cartellone operistico realizzato nel rispetto della tradizioni, ma con uno sguardo attento al fascino del panorama artistico internazionale, conferma l’obiettivo di portare al Teatro Petruzzelli una fascia di pubblico di tutte le età, puntando su classici intramontabili come il grande Rossini de La Gazza ladra e il Verdì più amato di Aida e su interessanti novità per il pubblico del capoluogo pugliese come Porgy and Bess di Gershwin ed Il pipistrello di Strauss.

La Fondazione Petruzzelli ripropone il ciclo di incontri alla scoperta del melodramma che tanto ha appassionato il suo pubblico nelle scorse stagioni musicali.
Saranno nuovi studiosi di fama internazionale i protagonisti della rassegna “Conversazioni sull’Opera”.

Sei gli appuntamenti, tutti al Teatro Petruzzelli alle ore 19.00, che propongono: venerdì 20 gennaio La gazza ladra di Gioachino Rossini a cura di Bruno Cagli, venerdì 24 febbraio Manon Lescaut di Giacomo Puccini a cura di Michele Dall’Ongaro, venerdì 5 maggio Porgy and Bess di George Gershwin a cura di Franco Pulcini, mercoledì 6 settembre Aida di Giuseppe Verdi a cura di Paolo Arcà, venerdì 27 ottobre Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti a cura di Francesco Antonioni, mercoledì 6 dicembre Il pipistrello di Johann Strauss a cura di Quirino Principe.

Ed anche nel 2017 la Fondazione Petruzzelli proporrà per tutto l’anno un nuovo calendario di Visite Guidate alla scoperta del Teatro, della storia, della vita artistica e della sua ricchezza architettonica. A partire da ottobre 2016 fino al 28 maggio 2017 l’iniziativa prevede visite guidate il sabato alle 12.30 e la domenica alle 10.30. Da giugno 2017 fino alla fine di settembre 2017 sarà possibile visitare il Teatro alle 10.30 e alle 19.30 ogni venerdì, sabato e domenica. L’ingresso alla visita avrà un costo di 5€ per gli adulti, 1€ per gli studenti, i bambini e i disabili, mentre sarà gratuito per gli accompagnatori del disabile. Il botteghino delle Visite Guidate aprirà 30 minuti prima dell’orario di inizio della visita. Per informazioni: 080.9752810 – visiteguidate@fondazionepetruzzelli.it

Aspettando il 2017, il 22 ottobre 2016, in occasione della “Giornata Teatri Aperti” promossa da Mibact e AGIS, l’ingresso alle visite guidate sarà gratuito per tutti.
In programma tre visite gratuite fino ad esaurimento posti: alle 12.30, alle 18.00 ed alle 19.00.

La Stagione Concertistica 2017 che vedrà protagonisti l’Orchestra e il Coro della Fondazione Petruzzelli propone un cartellone di grande rilievo articolato in ben 17 appuntamenti.

Giovedì 5 gennaio alle 20.30 l’apertura della Stagione Concertistica sarà affidata alla bacchetta di Günter Neuhold, solisti Katrin Adel (soprano), Christina Daletska (mezzosoprano), Azer Zada (tenore) e Thomas Tatzl (basso). Maestro del Coro Fabrizio Cassi.

In programma la Sinfonia n.9 in re minore per soli coro e orchestra op. 125 “Corale” di Ludwig van Beethoven.

Sabato 28 gennaio alle 19.00 sarà di scena il pianista Rafal Blechacz. In programma Quattro duetti (n.1 in mi minore BWV 802, n.2 in Fa Maggiore BWV 803, n. 3 in Sol Maggiore BWV 804 e n. 4 in la minore BWV 805) di Johann Sebastian Bach, Rondò in Sol Maggiore op. 51 n. 2 e Sonata in Do Maggiore op. 2 n. 3 di Ludwig van Beethoven, Notturno in fa diesis minore op. 48 n. 2, Sonata n. 2 in si bemolle minore op. 35 e Fantasia in fa minore op. 49 di Fryderyk Chopin.

 Venerdì 3 febbraio alle 20.30 un appuntamento d’eccezione: Yuri Temirkanov dirigerà l’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo, solista la pianista Martha Argerich.

In programma: Estratti dal balletto “Spartak” di Aram Chacaturjan, Concerto n. 3 in Do Maggiore per pianoforte e orchestra op. 26 di Sergej Prokof’ev e Sinfonia n. 5 in re minore op. 47 di Dmitri Sostakovic.

Domenica 5 marzo alle 19.00 sarà di scena il pianista e compositore Fazil Say. In programma: Sonata in Do Maggiore Hob. XVI n. 35 di Franz Joseph Haydn, Dodici Variazioni in Do Maggiore sulla canzone francese “Ah vous dirai-je Maman” KV 265 (300e) di Wolfgang Amadeus Mozart, Preludi scelti dal libro I, L 125 e dal libro II, L 131 di Claude Debussy, Rhapsody in blue in si bemolle di George Gershwin, Variazioni su “Summertime” di G. Gershwin, Bodrum op. 41b e Paganini alla turca di Fazil Say.

Domenica 2 aprile alle 19.00 sarà di scena il Quartetto di Cremona, Cristiano Gualco (violino), Paolo Andreoli (violino), Simone Gramaglia (viola) e Giovanni Scaglione (violoncello). In programma: Quartetto n. 1 in Do Maggiore op. 49 di Dmitri Sostakovic, Quartetto n. 19 in Do Maggiore KV 465 “Delle dissonanze” di Wolfgang Amadeus Mozart e Quartetto d’archi n. 14 in re minore D810 “La morte e la fanciulla” di Franz Schubert.

Venerdì 14 aprile alle 20.30 salirà sul podio Günter Neuhold, soliste le pianiste Katia Labeque e Marielle Labeque.
In programma: Danzón n. 2 per orchestra di Arturo Márquez, Concerto per due pianoforti e orchestra in re minore FP 61 di Francis Poulenc e Sinfonia n. 5 in mi minore op. 64 di Pëtr Il’ic Cajkovskij.

Sabato 20 maggio alle 19.00 dirigerà l’Orchestra Giampaolo Bisanti, solisti Paolo Carlini (fagotto), Sergej Krilov (violino), Virginia Tola (soprano). Maestro del Coro Fabrizio Cassi.
In programma la prima esecuzione assoluta, commissionata dalla Fondazione Petruzzelli, del Concerto per fagotto e orchestra di Azio Corghi, il Concerto n. 4 in re minore per violino e orchestra MS 60 di Niccolò Paganini e Gloria in Sol Maggiore per soprano, coro misto e orchestra FP 177 di Francis Poulenc.

Mercoledì 31 maggio alle 20.30 tornerà sul podio del Petruzzelli Giampaolo Bisanti, solista la violinista Veronika Eberle. In programma: Die Moldau poema sinfonico dalla raccolta “Má vlast” di Bedrich Smetana, Concerto per violino e orchestra in re minore WoO 23 di Robert Schumann e Suite dal “Peer Gynt” op. 46 e op. 55 di Edvard Grieg.

Giovedì 8 giugno alle 20.30 dirigerà l’Orchestra Andris Poga, solista Lise de la Salle (pianoforte), maestro del Coro Fabrizio Cassi.
In programma: Ouverture dal “Ruslan e Ludmilla” di Michail Glinka, Concerto n. 1 in fa diesis minore per pianoforte e orchestra op. 1 di Sergej Rachmaninov, Salmo n. 23 op. 14 di Alexander Zemlinsky e Romeo e Giulietta ouverture fantastica di Pëtr Il’ic Cajkovskij.

Giovedì 15 giugno alle 20.30 saranno di scena il direttore Alpesh Chauhan ed il Trio Tchaikovsky composto da Pavel Vernikov (violino), Alexander Chaushian (violoncello) e Konstantin Bogino (pianoforte). In programma: Ouverture da “Il flauto magico” di Wolfgang Amadeus Mozart, Concerto triplo in Do Maggiore per pianoforte, violino, violoncello e orchestra op. 56 di Ludwig van Beethoven e Sinfonia n. 4 in fa minore op. 36 di Pëtr Il’ic Cajkovskij.

Giovedì 22 giugno alle 20.30 dirigerà l’Orchestra Maxim Emelyanichev, solista Gabriele Carcano (pianoforte), maestro del Coro Fabrizio Cassi.
In programma: Fantasia per pianoforte, coro e orchestra op. 80 di Ludwig van Beethoven, Concerto n. 23 in La Maggiore per pianoforte e orchestra KV 488 di Wolfgang Amadeus Mozart e Sinfonia n. 5 in re minore op. 107 “Riforma” di Felix Mendelssohn-Bartholdy.

Giovedì 29 giugno alle 20.30 salirà sul podio Daniel Cohen, solista Eva Vogel (mezzosoprano), voce recitante Massimo Verdastro.
In programma: Ouverture su temi ebraici op. 34 di Sergej Prokof’ev, la prima esecuzione italiana di Hinneni, Alle madri rifugiate, per voce, orchestra d’archi, percussioni e voce recitante su testo di Erri De Luca, Commissione Radio France, Festival Présences 2016, Rükert Lieder , cinque Lieder per voce e orchestra di Gustav Mahler e Sinfonia n. 3 in Do Maggiore di Nino Rota.

Lunedì 18 settembre alle 20.30 il pianista Pierluigi Camicia presenterà un programma dedicato a: Dumka in do minore per pianoforte op. 59 di Pëtr Il’ic Cajkovskij, “Le Stagioni” (Al focolare, Barcarola, Canto del mietitore, Troika e Natale) di Pëtr Il’ic Cajkovskij, Cinque preludi op. 16 di Aleksandr Skrjabin, Sonata n. 4 in fa diesis op. 30 di Aleksandr Skrjabin e Quadri da un’esposizione suite per pianoforte di Modest Musorgskij.

Mercoledì 27 settembre alle 20.30 dirigerà l’Orchestra Günter Neuhold, solista il violinista Midori. In programma: Concerto per violino e orchestra in Re Maggiore op. 61 di Ludwig van Beethoven, Danze di Galánta per orchestra di Zoltán Kodály, L’uccello di fuoco suite dal balletto versione del 1919 di Igor Stravinskij.

Martedì 3 ottobre alle 20.30 dirigerà l’Orchestra Giampaolo Pretto, di scena anche il Signum Saxophone Quartet composto da Blaž Kemperle (soprano) Erik Nestler (alto), Alan Lužar (tenore) e Guerino Bellarosa (baritono). Maestro del Coro Fabrizio Cassi. In programma: Concerto per quartetto di saxofoni e orchestra di Philip Glass, Jazzical, Confluence da “Rhythm of the Americas” di Bob Mintze, Nänie per coro e orchestra op. 82 di Johannes Brahms e Variazioni su un tema di Haydn in Si bemolle Maggiore op. 56 di Johannes Brahms.

Lunedì 6 novembre alle 20.30 saranno di scena Patrick Gallois (flauto) e Irina Zaharenkova (pianoforte). In programma: Fantaisie pastorale Hongroise op. 26 di Franz Doppler, Sonata Undine per flauto e pianoforte op. 167 di Carl Reinecke, 5 Pièces étranges per flauto e pianoforte di Jacques Desbriére, Sonata per flauto e pianoforte FP 164 di Francis Poulenc e Fantaisie brillante sur “Carmen” di Georges Bizet / François Borne.

Sabato 18 novembre alle 19.00 la stagione si concluderà con un appuntamento prestigioso: Grzegorz Nowak dirigerà l’Orchestra, solista il pianista Kristian Zimerman. In programma: Sinfonia n. 2 per pianoforte e orchestra “The age of anxiety” di Leonard Bernstein e Quadri da un’esposizione – Ricordo di Viktor Hartmann, suite per orchestra (orchestrazione di Sergej P. Gorchakov) di Modest Musorgskij.