Assegnati i premi del 19° Festival del Cinema Europeo di Lecce

0
499

Si è conclusa con successo e con grande affluenza di pubblico la XIX edizione del Festival del Cinema Europeo di Lecce, diretto da Alberto La Monica, dedicato quest’anno a Cristina Soldano, direttrice artistica sin dalla prima edizione, che con passione e professionalità  ha saputo dare impulso alla manifestazione. Anche tutte le proiezioni dedicate agli studenti, alla presenza dei protagonisti delle pellicole che hanno interloquito con i ragazzi, hanno riscosso notevole partecipazione e interesse.

Il Multisala Massimo, sede del Festival

Le retrospettive di questa edizione sono state dedicate a Ildikò Enyedi, Michael Winterbottom, Kim Rossi Stuart e Jasmine Trinca.

Ecco i premi del festival:

Marie Garel-Weiss
  • Ulivo d’Oro “Premio Cristina Soldano al Miglior Film” a The party’s over (La fête est finie) di Marie Garel-Weiss, con la seguente motivazione: “Per la maestria nel rappresentare il senso di dissoluzione dei rapporti sociali, la solitudine esasperata, la deriva sentimentale che è stato un fil rougedelle cinematografie europee proposte in selezione. Il tutto affidato alla forza e alla verità delle due protagoniste”.
  • Premio Mario Verdone (IX edizione), assegnato da Silvia, Carlo e Luca Verdone a un giovane autore (massimo 40 anni) che con la sua opera prima si è particolarmente distinto nell’ultima stagione cinematografica a Roberto De Paolis per Cuori puri, finalista insieme a Moglie e marito di Simone Godano e Finché c’è prosecco c’è speranza di Antonio Padovan. Riconoscimento Speciale ad Andrea De Sica per I figli della notte (2016).

    Carlo Verdone premia Roberto De Paolis
  • Premio Giuria FIPRESCI a Scary mother (Georgia-Estonia) di Ana Urushadze
  • Premio SNGCI assegnato dai soci del Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani e dal Presidente Laura Delli Colli per il Migliore Attore Europeo a Goran Bogdan per Agape (Croazia) di Branko Schmidt, con la seguente motivazione: “Perfetto in un ruolo difficile e delicato, che affronta regalandoci anche l’emozione di forte impegno civile”.
  • Premio Agiscuola a The party’s over di Marie Garel-Weiss (R. Bocchi)

    Jasmine Trinca, Laura Delli Colli e Alberto La Monica