Al Teatro Litta a Milano ‘Confidenze troppo intime’

0
827
Fino al 15 marzo torna al Teatro
Litta di Milano la commedia francese ‘Confidenze troppo intime’, per la regia di Antonio Syxty.
Il testo è stato scritto da Jérôme Tonnerre per il film omonimo del 2004, diretto
da Patrice Leconte e interpretato da Fabrice Luchini e Sandrine Bonnaire.
Gli interpreti di questa versione teatrale sono
Caterina Bajetta, Gaetano  Callegaro, Valentina Capone,  Ettore Distasio. Le scene a cura di Guido
Buganza.

Un comico equivoco iniziale
dà il via alla vicenda, che si dipana tra sedute psicoanalitiche e problemi
coniugali, confidati sulle poltrone sbagliate: due estranei che casualmente si
incontrano, si riconoscono, si specchiano inconsapevolmente l’uno dentro
l’altra.

‘Confidenze troppo intime’ è una commedia che nasce da un
equivoco di partenza: Anna sta andando dal suo psicanalista, ma per distrazione
o per un errore freudiano, sbaglia porta. Ad aprirle non sarà un dottore, bensì
William: consulente finanziario. Anna è convinta di trovarsi di fronte al suo
analista e inizia a raccontargli i suoi segreti più intimi, mentre l’uomo, non
avendo il coraggio di rivelarle la sua identità, ascolta incredulo quelle
confessioni. La vicenda, nel suo dipanarsi, diventa un intreccio geometrico in
cui i protagonisti nascondono qualcosa e riescono a fare emergere i sentimenti
più veri solo attraverso errori e fraintendimenti: l’amore viene così ridotto a
mero rifugio dal mondo. Troveranno William e Anna il coraggio di uscire da un
passato di fallimenti personali per dare inizio ad un nuovo futuro? (R.B.)