Al Teatro Libero “Per favore niente eroi”, ispirato a Raymond Carver

0
508

Fino al 17 febbraio al Teatro Libero di Milano è in
scena “Per favore niente eroi”, interpretato da Corrado Accordino, Alessia Vicardi
e Daniele Ornatelli, ispirato ai racconti di Raymond Carver, con drammaturgia e
regia dello stesso Accordino.
Raymond Carver, nato nel 1938 nell’Oregon da umile
famiglia, muore  prematuramente a 50 anni
per un tumore. A vent’anni, già sposato e con due figli, lavora come fattorino
e inizia a seguire dei corsi di scrittura creativa con John Gardner, che
diverrà poi suo mentore.
Per tutta la vita Carver deve conciliare il lavoro
di scrittore con una serie di lavori che gli consentono di sbarcare il lunario.
Per parecchi anni combatte anche il problema dell’alcolismo. Nel 1977 ad un
congresso di scrittori conosce la poetessa Tess Gallagher, che sposerà in
seconde nozze e che gli resterà accanto fino alla morte.
Carver è un maestro della narrativa breve e viene
considerato il capostipite del minimalismo letterario americano. I suoi
racconti hanno per protagonisti individui umili, spesso disperati, che
sopravvivono e si trascinano tra le difficoltà della provincia americana.
Nel 1993 il regista Robert Altman ha tratto da nove
racconti e una poesia di Carver il film “America oggi”, Leone d’Oro a Venezia,
interpretato da Jack Lemmon, Julianne Moore, Robert Downey Jr. e Frances
McDormand.
“La necessità! E’ stato
per questo che ho cominciato a scrivere racconti. E’ stata la necessità. Non
avevo le forze e non sarei mai stato in grado di concentrarmi su un romanzo.
L’unica cosa che potevo fare era scrivere qualcosa di getto. Di più non potevo.
Poi lascio lì tutto, per tornare alla mia occupazione principale. La nostra
occupazione principale, la vita. Sempre, la vita.” (Raymond Carver)
Carver è stato
definito da Fernanda Pivano «uno dei più grandi scrittori di racconti della
letteratura americana di tutti i tempi sulla scia degli storici successi nello
stesso genere di Hemingway, Fitzgerald e Faulkner». (R.B.)
Raymond Carver