Al Teatro Franco Parenti di Milano ‘Rosmersholm’ di Ibsen

0
697

Dal 23 gennaio all’11 febbraio 2018 a Milano al Teatro Franco Parenti va in scena ‘Rosmersholm-Il gioco della confessione’ di Henrik Ibsen, riduzione di Massimo Castri, da un’idea di e con Federica Fracassi e Luca Micheletti, regia Luca Micheletti, produzione Teatro Franco Parenti.

Rosmersholm è il dramma dell’inazione, del presente svuotato, dei fantasmi che vincono sui viventi, un horror in forma di seduta psicanalitica: forse il più palpitante “copione del terrore” uscito dalla penna di Ibsen. Dopo Mephisto di Klaus Mann, prodotto dal Franco Parenti, Luca Micheletti e Federica Fracassi proseguono la loro esplorazione dell’universo ibseniano con quest’opera scritta dall’autore norvegese nell’ultima fase della sua vita. Rebekka West (futuro oggetto dello studio di Freud e di Groddeck), donna nascostamente passionale e libera pensatrice apparente, prende servizio a casa del pastore Rosmer, espressione e vittima al contempo di un ordine aristocratico chiuso in sé stesso, governato da ferree leggi morali e forse addirittura soprannaturali: “i bambini a Rosmersholm non ridono mai…”.

Se nel giovane Ibsen la lotta per la ricerca di sé stessi prende la forma esplicita di una cruda fantasia iniziatica e soprannaturale, un dramma della maturità come Rosmersholm inietta l’astrazione sottopelle, la confina nei sogni, anzi negli incubi di Rebekka e Rosmer: incarnazioni simboliche di due estremi opposti che finiscono per confondersi e annientarsi. Fu Massimo Castri a concepire questa “tragicommedia” come un dispositivo teatrale in forma di monodramma a due voci. Scegliamo di far rivivere il suo copione, rianimando il mostro bicefalo che ha immaginato ormai decenni fa, in un nuovo ring senza esclusione di colpi che è anche una camera di tortura delle parole, alla ricerca impossibile di quella verità che al teatro è negata per statuto, da sempre e per sempre.

Il sito del teatro: http://www.teatrofrancoparenti.it (R.B.)