Al Teatro Elfo Puccini di Milano in scena ‘Road movie’

0
880
Fino al 27 novembre 2014 al Teatro dell’Elfo è in scena “ROAD MOVIE”, di Godfrey Hamilton, con la regia di Sandro Mabellini, interpretato con notevole bravura da Angelo Di Genio.
Un testo profondamente commovente che ci parla
della paura dell’amore e della paura della perdita e della morte, e in
particolare della complessità di questi sentimenti quando sono inscindibilmente
legati.
Ambientato negli Stati Uniti degli anni Novanta, quando
l’AIDS stava assumendo i connotati di un’epidemia, racconta di Joel, gay
trentenne, che si avventura in un viaggio coast to coast per rincontrare il suo
innamorato, Scott. Un percorso costellato da incontri che lo trasformeranno
profondamente, mettendolo a confronto con uomini e donne – siano essi genitori,
amici, amanti – che devono in vario modo venire a patti con la perdita degli
affetti più cari.
Road Movie, scritto per la compagnia angloamericana Starvig
Artist Theater, ha vinto nel 1995 il Fringe First Award al festival di
Edimburgo ed è stato rappresentato negli Stati Uniti e in molti paesi europei.

L’allestimento curato da Sandro Mabellini offre al
protagonista Angelo Di Genio l’occasione per un vero tour de force, nel quale
interpreta tutti i personaggi del testo, dialogando in scena con il fuoriclasse
del violoncello Piero Salvatori.
Godfrey Hamilton ha scritto più di venti testi per
la compagnia angloamericana Starving Artists Theater, tra cui Road Movie (1996) e Viper’s Opium entrambi vincitori di Fringe First Awards al Festival
di Edimburgo, Take Me with You che ha
avuto una trasposizione cinematografica diretta da Charles Sharman-Cox.
Attualmente lavora alla trasposizione cinematografica di Road Movie

Sandro Mabellini si è diplomato alla Scuola di
Teatro di Bologna, specializzandosi con Luca Ronconi. Fra le sue regie, Closer di Patrick Marber, Cenerentola di Joel Pommerat, Stava la madre di Angela Dematté, Un altro Amleto di Magdalena Barile, Nel lago (creazione con Ambra Senatore)
e Tu (non) sei il tuo lavoro di
Rosella Postorino, Dracula e The other side di Dejan Dukovski, Il gabbiano di Martin Crimp, Qualcuno arriverà di Jon Fosse, Sciame di Toni Negri, Magnificat di Alda Merini, Albatros di Fabrice Melquiot e La dodicesima notte di Davide Carnevali.
Angelo Di Genio si diploma alla Scuola d’Arte
drammatica Paolo Grassi nel 2005. Si perfeziona con Massimo Castri per poi
partecipare a molti spettacoli del regista: Alcesti,
Così è se vi pare, Tre sorelle, La presidentessa. È uno degli “history boys” vincitori
del Premio Ubu 2011. Di recente ha interpretato Freddo di Lars Norèn, regia di Marco Plini, In Exitu di Testori, regia di Lorenzo Loris e Morte di un commesso viaggiatore, accanto a Elio De Capitani nel
ruolo di Biff Loman. (R.B.)