Al cinema “Il padre d’Italia”, con Luca Marinelli e Isabella Ragonese

0
731

Dal 9 marzo 2017 nelle sale italiane arriva il film di Fabio Mollo “Il padre d’Italia”, con Luca Marinelli e Isabella Ragonese.

Paolo è un trentenne solitario e introverso che lavora come commesso in uno store di Torino. Accetta la sua omosessualità ma non tutto ciò che questa comporta. Mia invece è una ragazza esuberante e fuori dagli schemi, incinta al sesto mese. I due si incontrano casualmente in un locale gay torinese e da quel momento, nonostante le diversità caratteriali, non si separeranno mai. Paolo e Mia intraprendono un lungo viaggio, attraversando tutta l’Italia, alla ricerca del padre del futuro nascituro. Il viaggio per loro sarà un momento di scoperta di se stessi, del futuro e di cosa vuol dire diventare adulti.

Fabio Mollo, 36 anni, è al suo secondo lungometraggio. Il primo è stato “Il sud è niente” (2013), interpretato da Vinicio Marchioni e Valentina Lodovini, che ottenne 3 candidature ai Globi d’Oro della stampa estera, tra cui quello per miglior opera prima.

Luca Marinelli, 32 anni, si fece conoscere con “La solitudine dei numeri primi”. E’ stato candidato al David di Donatello e al Nastro d’Argento per “Tutti i santi giorni”, di Paolo Virzì. Più di recente ha avuto grande successo con “Non essere cattivo” e in “Lo chiamavano Jeeg Robot”, che gli ha fatto vincere il David e il Nastro come miglior attore non protagonista.

Isabella Ragonese, 35 anni, si è fatta notare in “Tutta la vita davanti”, di Paolo Virzì, che le ottenne la candidatura al Nastro d’Argento, che poi vinse nel 2010 come miglior attrice non protagonista per le sue interpretazioni in “La nostra vita” di Daniele Luchetti e in “Due vite per caso”, di Alessandro Aronadio. Per il film di Luchetti ricevette anche la sua prima candidatura ai David. L’anno successivo fu nuovamente candidata ai Nastri per “Il primo incarico”, di Giorgia Cecere.

Il trailer del film: https://www.youtube.com/watch?v=0Gq3Wl36BNs (R.B.)