A Milano al Teatro Elfo Puccini ‘Fronte del porto’, regia di di Alessandro Gassmann

0
151

Al Teatro Elfo Puccini di Milano dal 16 al 21 novembre 2021 è in scena Fronte del porto, di Budd Schulberg, traduzione e adattamento Enrico Ianniello, uno spettacolo di Alessandro Gassmann, autore anche delle scene, con Daniele Russo e con Emanuele Maria Basso, Renato Bisogni, Antimo Casertano, Antonio D’Avino, Sergio Del Prete, Francesca De Nicolais, Ernesto Lama, Biagio Musella, Manuel Severino, Pierluigi Tortora, Bruno Tràmice, musiche Pivio e Aldo De Scalzi, coproduzione Fondazione Teatro di Napoli-Teatro Bellini.

Dopo lo straordinario successo di Qualcuno volò sul nido del cuculo, questa è la seconda riscrittura di una storia ‘cinematografica’ messa in scena da Alessandro Gassmann, con Daniele Russo nel ruolo protagonista.
Enrico Ianniello, attore, scrittore, traduttore e regista, non nuovo a esperienze di trasposizione scenica – ricordiamo i suoi fortunatissimi adattamenti di Chiòve e I Giocatori del catalano Pau Mirò – firma la drammaturgia di Fronte del porto; la sua riscrittura parte dall’omonima opera dell’americano Budd Schulberg (a sua volta ispirato da un’inchiesta giornalistica dell’epoca, diventata la base della sceneggiatura del film di Elia Kazan che vinse otto oscar nel 1954) e dall’adattamento teatrale realizzato, in seguito, dall’inglese Steven Berkoff.
Alessandro Gassmann costruisce uno spettacolo che ci trascina nella Napoli di quasi quarant’anni fa, dove una comunità di onesti lavoratori sottopagati e vessati dalla malavita organizzata trova, attraverso il coraggio di un uomo, la forza di rialzare la testa e fare un passo verso la legalità, la giustizia, la libertà. I colori della moda sono sgargianti, la sonorità è quella dei film dell’epoca e un cast di dodici attori straordinari porta in scena una storia corale dalla forte carica emotiva e sociale, fatta di relazioni intense e rabbiose e di atmosfere cariche di suspense.

Note di regia di Alessandro Gassmann:
«Ho chiesto a Enrico Ianniello di spostare l’azione originariamente ambientata negli Stati Uniti degli anni Cinquanta, in una Napoli degli anni Ottanta, dove la camorra era organizzata e presente tra gli operai del porto industriale.
Come già avvenuto per Qualcuno volò sul nido del cuculo, anche in questo caso la scelta è caduta su un testo ed una tematica che mi coinvolgono profondamente e che portano verso una ricerca di libertà faticosa. Abbiamo ricostruito la vita del porto, le vite degli operai, i loro aguzzini, attaccandoci ai suoni, ai rumori, ai profumi ed alla lingua di questa città. Cerco sempre di ricostruire mondi credibili nei miei spettacoli, nella convinzione che ora come non mai il teatro debba essere arte popolare, di difficile esecuzione ma di semplice fruizione. Continua con questo spettacolo la mia collaborazione con il Teatro Bellini e il mio lavoro di regista con Daniele Russo, nel quale ho trovato un interprete ideale e credibile per raccontare i limiti ed i difetti umani di protagonisti imperfetti, ma proprio per questo emozionanti».

Il regista, Alessandro Gassmann

TEATRO ELFO PUCCINI, sala Shakespeare, corso Buenos Aires 33, Milano

Info e prenotazioni: tel. 02.0066.0606 – biglietteria@elfo.org (R.B.)